Presentazione del metodo Litigare Bene

A litigare bene si impara da bambini

Il CPP si occupa da sempre di gestione dei conflitti considerandoli come opportunità di crescita.
Presupposto fondamentale è quello di non colpevolizzare i bambini litigiosi: il contrasto tra loro è una forma d'interazione.

L’interventismo adulto non solo è inutile ma risulta deleterio perché inibisce l'istintiva capacità autoregolativa dei bambini di trovare autonomamente un accordo, soprattutto per quel che riguarda i più piccoli. Impedisce inoltre la necessaria frustrazione evolutiva che il litigio offre in modo naturale.

Semplificando si può dire che i litigi insegnano ai bambini a conoscersi e imparare a stare con gli altri, a scoprire gradualmente risorse e limiti. Gli scontri, anche quelli fisici, sono paragonabili a quelli dei cuccioli che utilizzano il gioco della lotta per capire come convivere. È quindi sbagliato intromettersi in queste dinamiche e soprattutto voler cercare il colpevole, cosa consueta tramandata da un’educazione tradizionale.

Il metodo Litigare bene, ideato da Daniele Novara, può essere utilizzato a scuola e a casa ed è efficace per:

  • consentire ai bambini di gestire in autonomia i propri litigi senza l'intervento degli adulti
  • gestire gli oppositori in classe
  • prevenire i fenomeni di bullismo
  • favorire l'inclusione scolastica
  • ridurre lo stress degli insegnanti, educatori e genitori

Dal punto di vista pedagogico e formativo il litigio infantile è area di ricerca, di lavoro e di progettazione.


Sul tema dei litigi tra bambini abbiamo in programma il convegno online "Litigare bene si può", mercoledì 31 agosto (clicca qui per maggiori informazioni)


Ascoltando e raccogliendo numerosi racconti che i bambini e le bambine fanno delle loro esperienze di litigio, salta subito all’occhio un elemento: la percezione adulta dei litigi infantili e quella dei bambini non coincide.
Per i bambini e le bambine il litigio è un’esperienza naturale: normale, fisiologica, carica di emotività, ma facilmente riletta a posteriori come priva di significati diversi da quelli vissuti in quel momento.

La reazione adulta al litigio dei bambini, piuttosto, disorienta: finisce per attribuire contenuti presunti e spesso errati a episodi in sé marginali, modificando inevitabilmente la percezione e il valore dell’evento.
Le ricerche di psicologia dello sviluppo sull’argomento hanno contribuito a confermare alcune caratteristiche della litigiosità infantile, che possono essere spiegate solo interpretando la litigiosità come un evento fisiologico, un modus vivendi, una parte quasi inevitabile del giocare assieme.

A LITIGARE SI IMPARA

II metodo rivolto a genitori e insegnanti, che Daniele Novara ha chiamato “Litigare Bene”, è frutto di un lungo lavoro di esplorazione sulla possibilità di insegnare a litigare.
L’ipotesi di partenza, confermata dalla ricerca, è che i bambini, per tutta l’infanzia, hanno grandi capacità di autoregolarsi nei loro litigi.

In cosa consiste il metodo "Litigare Bene"? Due passi indietro e due passi avanti:

  • il primo passo indietro è non cercare il colpevole perché non c’è
  • il secondo passo indietro è non imporre la soluzione. Non esiste la risposta esatta, ma la capacità di gestire la situazione
  • il primo passo avanti è farli parlare tra loro del litigio (comunicazione della versione reciproca)
  • il secondo passo avanti è favorire l’accordo tra le parti

"lI litigio infantile è una forma di interazione che se gestita correttamente aiuta lo sviluppo personale e sociale"

Il metodo Litigare Bene è stato sperimentato nel corso di una ricerca svolta nelle scuole di Torino ed è utilizzato in molte scuole italiane. 

Alcuni dati: 

1. Quando l’insegnante applica il metodo maieutico i bambini si accordano spontaneamente tre volte in più rispetto a quando l’adulto interviene a correggere il loro comportamento. I dati coincidono sia per la Scuola dell’Infanzia che per la Primaria. 

2. Sia prima della sperimentazione, che dopo, quando l’adulto non interviene i bambini spesso risolvono il litigio da soli. 
Prima della sperimentazione i bambini della Scuola dell’Infanzia hanno adottato la rinuncia attiva nel 60% dei casi e hanno trovato un accordo spontaneo nel 33%. Dopo la sperimentazione metodologica, i bambini risolvono la contrarietà nel 32% dei casi attraverso l’accordo spontaneo e nel 57% dei casi attraverso la rinuncia attiva. Viceversa, se l’adulto interviene in modo correttivo tutto si blocca e, nel 92% dei casi, il litigio resta congelato senza alcuna evoluzione (sospensione del litigio e accordo imposto). Nel 92% dei casi avviene un mancato apprendimento!

3. Rispetto alla diminuzione dei litigi, quando è adottato il metodo si è potuto verificare che: la remissione (diminuzione deilitigi) è maggiore nella Primaria (6‐10 anni) piuttosto che nella Scuola d’Infanzia. Ciò a riprova della naturalezza con cui i bambini litigano nel periodo 3‐6 anni senza complicazione alcuna. Nella scuola Primaria si registra poi una diminuzione dei litigi osservati del 47,7%.

Staff

Daniele Novara

Fondatore e direttore del CPP, pedagogista e autore

Marta Versiglia

Pedagogista e counselor maieutico

Emanuela Cusimano

Responsabile progetti territoriali. Pedagogista e formatrice CPP.

Pubblicazioni correlate

Litigare con metodo

Litigare con metodo tratta l’innovativo metodo maieutico per la gestione dei litigi infantili a scuola.

Litigare per crescere

Il libro propone un percorso di educazione alle relazioni, al conflitto e all'autonomia per bambini del Nido d’Infanzia e della Scuola dell’Infanzia.

Litigare fa bene

Attraverso semplici spiegazioni e numerosi esempi, l’autore dimostra l’efficacia del metodo maieutico Litigare bene.

Video

Metodo Litigare Bene - Daniele Novara
< Indietro
Litigare fa bene
Non cercate il colpevole, non imponete la soluzione, incoraggiate la versione reciproca del litigio, favorite l’accordo creato dai bambini e, soprattutto, lasciateli litigare!Daniele Novara