Siamo tutti Liliana Segre

Dobbiamo vigilare sulla nostra capacità di indignarci

Terribile pensare che Liliana Segre, una delle ultime testimoni della tragedia dell’Olocausto, sia costretta ad avere una scorta per le uscite pubbliche. 

Che possano tornare o meno i fantasmi del passato dipende da noi.

Dobbiamo vigilare sulla nostra capacità di indignarci, di mantenere uno spirito di resistenza e di attenzione rispetto alla memoria del passato.

Che la malvagità possa ottenere qualcosa non dipende semplicemente dai malvagi ma dalla nostra capacità di stare dentro il conflitto con determinazione e coraggio.

Invito le Istituzioni pubbliche, anche a nome del CPP (Centro psicopedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti), a far sentire la solidarietà verso Liliana Segre con gesti simbolici che in questo momento storico hanno un’importanza enorme, come darle la cittadinanza onoraria, come organizzare delle situazioni di partecipazione civile e di riconoscimento attivo alla sua figura.

La Costituzione italiana è democratica, antifascista e contro la violenza. Nessuno può metterlo in discussione e le Istituzioni devono essere in prima fila per far rispettare i valori fondativi della nostra cittadinanza.

Articolo di Daniele Novara, pedagogista e diretto CPP 
Il punto di vista del Cpp (Novembre 2019)

Staff

Daniele Novara

Fondatore e direttore del CPP, pedagogista e autore

< Indietro
Liliana Segre