Dalla parte dei genitori

Come aiutare nell’educazione dei figli

Sabato 13 aprile 2019 a Piacenza - Convegno Nazionale CPP  

Informazioni

Litigare “bene”, gestendo la rabbia, è possibile!

Il litigio non è espressione di ostilità ma è una variabile dell’amicizia.

Durata: Tempo di lettura: 2 minuti

“Il litigio può insegnare la vita”. Lo dice Emma, dieci anni, in linea con il metodo “Litigare Bene”.

Litigare “bene”, gestendo la rabbia, è possibile. Fin dalla scuola materna, si può imparare a muoversi emotivamente in questa direzione grazie a una sorta di alfabetizzazione emotiva che permette ai bambini di trovare accordi creativi e soddisfacenti. 

Come ha detto Emma, dieci anni: “I grandi pensano che litigare non vada bene. Invece, secondo me, può insegnarti la vita”. Le parole della piccola sono riportate da Daniele Novara, fondatore del CPP che, nel 2010, ha ideato il metodo “Litigare Bene” in collaborazione con la collega pedagogista Marta Versiglia.

Il litigio è una forma profonda di autoconoscenza, legata alla necessità di distinguere se stessi dagli altri, sviluppando la capacità di separare e individuare la propria opinione”, approfondisce Novara. “Così, il bambino si confronta con il senso del limite e impara, grazie alla resistenza che incontra, a conoscere le proprie capacità e i propri difetti, a sbagliare, a scoprire l’errore come momento evolutivo e creativo, a gestire le proprie forze e a misurare quelle degli altri”.

Il metodo “Litigare Bene” nasce per aiutare i bambini a litigare da soli, in modo costruttivo, senza che i grandi debbano intervenire con inutili punizioni. “Gli adulti non tollerano i litigi infantili e li ritengono inutili”, afferma il noto pedagogista. “Le radici di questo comportamento vanno ricercate nella loro stessa infanzia, durante la quale si sono sentiti colpevolizzati dai loro genitori per le liti. E così la scena si ripropone con i figli”. 

Tutti possono trarre insegnamenti pedagogici importanti dal metodo di Novara. “Agli adulti spetta il compito di fare da mediatori, non da giudici, insegnando ai più piccoli come esprimere le proprie ragioni e la propria versione dei fatti a fratelli, sorelle o coetanei, magari attraverso bigliettini scritti oppure con le giuste parole”. Da non tralasciare l’idea di creare un angolo del conflitto dedicato ai chiarimenti con sedie, un tavolino o un grande tappeto. “In questo luogo avviene una decantazione emotiva, dove i bambini imparano ad ascoltarsi, ad affrontare e a risolvere i propri litigi", aggiunge il fondatore e direttore del Cpp. 

Dal canto loro, gli adulti dovrebbero smettere di colpevolizzare i piccoli: “sgridandoli, urlando o addirittura picchiandoli, si causano danni psicologici”, spiega Novara. “L’intervento aggressivo mina l’autostima del bambino e deprime la sua capacità di autoregolarsi con i coetanei e di decentrarsi emotivamente per capire le reazioni altrui”. 

Una volta appreso il metodo“Litigare Bene”, in ambito famigliare diminuirà la petulanza nei confronti dei genitori, a cui i piccoli non chiederanno più di intervenire. “Il metodo fa venire meno questa richiesta, perché struttura la capacità di organizzarsi fra coetanei per affrontare il litigio”, illustra Novara. “Inoltre, nei bimbi aumenterà la creatività, necessaria per rinunciare a qualcosa che pensavano di ottenere: sono chiamati invece a cercare qualche alternativa. Il litigio non è espressione di ostilità ma è una variabile dell’amicizia: l’interesse reciproco genera anche dei contrasti che il bambino vive con un’emotività espansiva e immediata. Vuole prendere il giocattolo dell’altro ma non fargli del male, perché è comunque un compagno di giochi”. 

Staff

Daniele Novara

Fondatore e direttore del CPP, pedagogista e autore

Marta Versiglia

Formatrice e counselor

Emanuela Cusimano

Pedagogista e formatrice CPP

Elisa Mendola

Formatrice e psicologa

Corsi correlati

Litigare fa bene! Come gestire i conflitti dei bambini. Milano maggio 2019

24 Maggio 2019 - Milano

Un metodo efficace per imparare a farli litigare costruttivamente e liberarli dalle paure.

Altre pagine che potrebbero interessarti

Descrizione del metodo Litigare Bene

lI litigio infantile è una forma di interazione che se gestita correttamente aiuta lo sviluppo personale e sociale.

< Indietro
Litigare “bene”, gestendo la rabbia, è possibile
Iscriviti alla newsletter