A scuola con coraggio. Un metodo per scoprire il piacere di imparare.

Convegno Nazionale CPP martedì 31 agosto 2021 - online dalle 10.00 alle 18.00

L’importanza del coro nel fenomeno del bullismo

Di: Daniele Novara

Il conflitto bullo-vittima non è mai solo un dramma a due voci.

Nel fenomeno del cyberbullismo ritorna, in termini ancora più esasperati, la dinamica del “coro”, che assiste, commenta, parteggia, si diverte, moltiplica gli insulti e le aggressioni.

Un coro di dimensioni enormi, così smisurato e assordante da produrre nella malaugurata vittima la sensazione di essere accerchiata, sovrastata da una macchina mostruosa che non le concede scampo, che la perseguiterà per sempre, e da cui nessuno è in grado di proteggerla. 

Sono queste le conseguenze più gravi di certi “innocenti scherzi”, che l’influenza potente delle nuove tecnologie trasforma in una trappola mortale capace di spingere a scelte disperate.

I primi ricercatori concordano sul fatto che il bullismo non sia un fenomeno riducibile alla dinamica bullo-vittima, ma piuttosto il sintomo di un disagio che riguarda un gruppo, una comunità.

Il conflitto bullo-vittima non è mai solo un dramma a due voci: per restare nella metafora teatrale potremmo dire che sulla scena, dietro le quinte e in platea vi sono sempre altre presenze. 

Vi sono complici, gregari, a volte mandanti occulti e vi sono spettatori, a volte plaudenti, a volte intimiditi, a volte indifferenti o omertosi, che comunque partecipano ai fatti.

La presenza di questo “coro”, come documentano molte delle storie da noi raccolte, costituisce un ingrediente fondamentale per la genesi di comportamenti bullistici. 

Ma non basta, al di là della piccola comunità in cui si vivono i rapporti quotidiani (famiglia, scuola, ambiente di lavoro e di tempo libero) il bullismo si alimenta del clima e delle tendenze culturali che caratterizzano una comunità più vasta: la comunità locale del paese o del quartiere, la comunità virtuale animata dai mass media e da internet, la società nel suo insieme.
________________________
Testo estratto dal libro "I bulli non sanno litigare" di Daniele Novara (ed. BUR Rizzoli)

Staff

Daniele Novara

Fondatore e direttore del CPP, pedagogista e autore

Pubblicazioni correlate

I bulli non sanno litigare

Insegnare ai figli come litigare, perché sappiano rispettare gli altri.

< Indietro
Il coro nel fenomeno del bullismo