Né buoni né cattivi

L'alfabetizzazione al conflitto per una nuova cittadinanza

Convegno Nazionale CPP - 12 ottobre 2019 a Milano 

Informazioni

Ragazzi vi conviene l’Europa

Lettera aperta ai ragazzi che votano per la prima volta

Il prossimo 26 maggio, si apriranno i seggi per le europee (consultazioni che, perciò, coinvolgono anche gli altri 26 Paesi dell’Unione, le prime dopo la Brexit) e, in 3.865 comuni italiani, per le amministrative. Per più di 500.000 italiani sarà il primo appuntamento con schede, cabine, urne. Sono i ragazzi e le ragazze nati nel 2000. Questa lettera è per loro (Daniele Novara, pedagogista).

Non fatevi fregare!
Non mancate l’appuntamento
, esercitate questo diritto perché chi vi vuole tenere lontano dalla politica vi sta fregando. Lo fa esclusivamente per un suo tornaconto, per mantenere i suoi privilegi, coltivare il suo orticello. Lo fa perché non è interessato al futuro né, quindi, ad affrontare insieme agli altri Paesi problemi come i cambiamenti climatici, l’invadenza digitale, la messa ai margini della vostra generazione da tutti i processi produttivi ed economici. Parlo di problemi che stanno ricadendo e ricadranno sempre più sulle vostre spalle. E, allora, non fidatevi dei vecchi e dei disillusi, di quelli che considerano inutile questo appuntamento: l’Europa siete voi, dovete dire la vostra perché potete cambiare le cose e, soprattutto, farlo all’interno di una compagine ampia, composita e interessante come quella dell’Unione europea.

Difendete il vostro futuro.
Perché dobbiamo difendere l’Unione europea? Perché è l’alternativa alla guerra permanente. Non per niente nel 2012 l’Europa ha meritato il Nobel per la Pace. E poi Unione Europea vuol dire essere dentro a un progetto ampio, che dà un respiro più grande alla politica, che ci libera dalle fragilità dal particolarismo, dal settarismo. Voi siete abituati a viaggiare, parlate altre lingue, siete più aperti e cosmopoliti di qualsiasi altra generazione che vi ha preceduto, e il vostro voto ci porta dritti nel cuore del futuro, lontano dai meandri della nostalgia in cui si muovono i movimenti antieuropeisti, nutriti di idee che vanno nella stessa pericolosa direzione: abbattere uno dei più grandi progetti politici positivi della storia quale è l’Europa.  

Non votate CONTRO.
Pensate bene a chi darete il vostro voto: oggi voi potete tracciare una linea di confine tra l’Europa e la politica della paura, della divisione e della distruzione. È contraddittorio e pericoloso appoggiare i sovranisti, partiti e movimenti che sono contro l’Europa: sarebbe come se, alle elezioni italiane, si votasse per il Regno delle due Sicilie o per il Granducato di Toscana, un assurdo anacronismo! Chi è contro l’Europa vuole riportare indietro le lancette della storia e non si rende conto che non esiste un “piano b”, non è possibile uscire dall’Unione e ritagliarsi un futuro da “isoletta felice” restando da soli (pensate a cosa sta succedendo in Inghilterra, che si è già pentita della Brexit). L’interesse degli italiani è l’Europa. E allora ditelo anche a quel 40% tra i neomaggiorenni che, secondo i sondaggi, non andrà a votare: per affrontare le sfide del nostro tempo occorre la partecipazione di tutti, nessuno escluso.


Lettera aperta scritta da Daniele Novara (maggio 2019)

Staff

Daniele Novara

Fondatore e direttore del CPP, pedagogista e autore

< Indietro
Lettera aperta ai ragazzi che votano per la prima volta 2019
Iscriviti alla newsletter