Lasciate che Babbo Natale esista

L’immaginazione è fondamentale per costruire una buona infanzia e affrontare con coraggio le età successive.

Durata: tempo di lettura 2 minuti

In Francia alcuni genitori non vogliono che i figli credano al vecchietto che porta i regali, una scelta sbagliata secondo il pedagogista Daniele Novara.

La polemica viene quest’anno dalla Francia ed è tutta nel titolo di un articolo del settimanale L’express: «Non voglio che mio figlio creda a Babbo Natale». Racconta di un gruppo di genitori che non vogliono dire ai figli la «bugia» del signore vestito di rosso con la barba bianca e la slitta carica di regali. Un’idea che trova assolutamente contrario il pedagogista Daniele Novara non solo per la figura di Babbo Natale, ma per tutte le figure portatrici di doni: da Santa Lucia a Gesù Bambino fino ai Re Magi.

«L’importante», spiega il fondatore del centro PsicoPedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti, «è l’idea e la preparazione. Per Santa Lucia, quando io ero bambino, si doveva preparare la carota per l’asinello, per i Magi serviva un contenitore in cui potessero lasciare i doni. Era ed è l’attesal’aspetto interessante. È un aspetto mitico e magico che parte dell’opinione pubblica e dei genitori vuole eliminare dichiarando guerra al pensiero magico infantile».

Quello del pedagogista è un no netto. «È una violazione del pensiero dei bambini, del loro diritto a essere bambini». L’arco della vita umana si divide in due tronconi, quello dell’infanzia arriva fino a 10 o 11 anni e poi il resto della vita che comincia con l’adolescenza e con una capacità di riflessione che il bambino non ha. «I bambini», spiega Novara, «credono veramente di cucinare nei tegamini di plastica e di essere parte della loro battaglia con i soldatini».

È poi il bambino da solo a scoprire che Babbo Natale non esiste attorno ai 10 anni, fra la quarta e la quinta elementare. Prima deve trionfare l’immaginazione. «Attraverso l’immaginazione i bambini mettono in atto quei dispositivi magici per riuscire a dare un senso all’essere piccoli, impacciati e indifesi. L’immaginazione è fondamentale per costruire una buona infanzia e affrontare con coraggio le età successive. Il bambino deve crearsi delle ragioni per comprendere il mondo che è troppo grande e incombente e le tradizionicome Babbo Natale lo aiutano in questo».

Intervista a Daniele Novara di Chiara Pizzimenti pubblicata il 16 dicembre 2018 da vanityfair.it

Staff

Daniele Novara

Fondatore e direttore del CPP, pedagogista e autore

Eventi collegati

Consulenza pedagogica per genitori

Il servizio di consulenza pedagogica, diretto da Daniele Novara, si svolge via Skype e presso le sedi CPP di Milano, Piacenza e Brescia.

Pubblicazioni correlate

Organizzati e felici

Come organizzare in famiglia le principali sfide educative dei figli, dai primi anni all'adolescenza.

L’essenziale per crescere

L’essenziale per crescere affronta il tema spinoso delle scelte educative fondamentali per chi ha figli da 0 a 13 anni.

< Indietro
Lasciate che Babbo Natale esista
Iscriviti alla newsletter