Ma l’infanzia non è una malattia

Articolo pubblicato su "Vita.it", 10/04/2017

Mille persone al teatro Carcano e 400 in streaming per il convegno Curare con l'educazione. «Le neuroscienze confermano continuamente le differenze tra cervello infantile e adulto, ma non ne si tiene conto: i bambini che funzionano bene sono quelli che si comportano come gli adulti, gli altri - quelli che fanno i bambini - non vanno bene. Ma cambiare rotta è possibile», ha detto Daniele Novara

Mille persone in sala, 400 in streaming, per parlare di educazione. È stato un successo non scontato quello del Convegno Convegno Nazionale Cpp "Curare con l’educazione" svoltosi sabato 8 aprile a Milano. Un messaggio è risuonato chiaro: l’infanzia e l’adolescenza non sono una malattia. «Le neuroscienze confermano continuamente le differenze tra cervello infantile, adolescente e adulto, ma non ne si tiene conto. La normalità è oggi è l’adultità e la normalità di un bambino è che stia seduto, ascolti, rifletta… I bambini che funzionano bene sono quelli che si comportano come gli adulti, gli altri bambini, quelli che fanno i bambini, non vanno bene. Ma un bambino per definizione corre, non cammina: figuriamoci se sta seduto», ha detto Daniele Novara, pedagogista e fondatore del CPP. «È sbagliato equiparare i bambini agli adulti, dire che il giusto è ciò che corrisponde alle aspettative degli adulti e ciò che non corrisponde è patologico. Al contrario i bambini devono essere vivaci, disattenti, pieni di pensiero immaginativo e fantasioso, il bambino normale insomma è un bambino un po’ distratto, che vuole muoversi, alzarsi dal banco. C’è un momento di immaturità, che è un momento di crescita. Fa parte della vita, della plasticità neuronale e questa constatazione ci permette di avere un atteggiamento più positivo verso gli alunni e i figli, meno ansioso. Invece si stanno moltiplicando esponenzialmente le diagnosi di disturbi, un bambino che fa il bambino è immediatamente un malato. Ma nelle famiglie italiane si stanno diffondendo abitudini educative in grado di mettere fuori uso qualsiasi bambino, è da qui che bisogna ripartire».

Daniele Novara ha citato due profezie, di trent’anni fa: Neil Postman nel 1982 disse che "la tv ucciderà infanzia", e che la condivisione della tecnologia avrebbe azzerato il concetto d’infanzia, togliendole specificità. «Oggi infatti i bambini perfetti sono quelli alle prese con un tablet: lì bambini e adulti sono dentro lo stesso mondo, tant’è che qualche adulto per loro usa l’espressione “sono avanti”, ma questo misconosce le specificità del cervello del bambino e della sua evoluzione». La seconda profezia è di Ivan Illich, che nel 1985 introdusse il concetto di "intolleranza terapeutica", cioè di un controllo che si sarebbe verificato attraverso la medicalizzazione: «noi qui ci siamo presi la responsabilità di denunciare una situazione, ma la denuncia non ci basta, non è il nostro stile. Il nostro percorso oggi dare dare ragione di ciò che è successo e di come ne possiamo venire fuori, perché certo che ne possiamo venire fuori, bisogna capire che è possibile cambiare binario, che prima di cercare nei bambini piccoli presunte malattie neuro-emotive e tentare diagnosi sempre più precise, anticipate, definite, occorre avere il buon senso di verificare se la loro educazione è corrispondente all'età e ai bisogni della loro crescita».

La contestazione di Novara al boom di diagnosi non è disfattista, il punto è che la medicalizzazione dei bambini non può essere la sola e prima strada da percorrere: «In questi ultimi trent’anni è sparito il gruppo spontaneo dei bambini, che ha sempre dominato per tutte le generazioni precedenti, per millenni e ora non c’è più e non vale il villaggio turistico in estate». Cambiamenti che impattano. Scompaiono i giochi tradizionali come nascondino o campana, che hanno una valenza terapeutica enorme, il bambino si nasconde e qualcuno lo deve trovare, è un dispositivo potentissimo per l’autostima. E che dire dell’amico immaginario? Negli anni 60 l’aveva il 65% dei bambini, oggi se un bambino parla da solo lo portiamo dal neuropsichiatra. «Non sono queste malattie a danneggiare i bambini ma l’etichetta che li blocca su un binario. Tanti bambini oggi sono in uno stato di confusione educativa: non sono malati, sono confusi. Educare è organizzare un setting educativo, è un’esperienza pratica e operativa: oggi si stanno perdendo le tracce della responsabilità educativa e i bambini rischiano di diventare orfani educativi. Il messaggio che vogliamo dare è che se un bambino ha un problema resta innanzitutto un bambino, può cambiare, può trasformare il suo disturbo o presunto tale in una risorsa».

 

Articolo di Sara De Carli (visita il sito)

Altre pagine che potrebbero interessarti

Infranto il muro delle etichette psichiatriche ai bambini

Il Convegno Nazionale "Curare con l'educazione" segna un nuovo inizio nel mondo dell'educazione.

Video

< Indietro