Insegniamo ai bimbi come litigare

Insegnare a litigare significa insegnare a vivere.

Litigare di più per litigare meno. Anzi, per litigare meglio. Partendo dal bisticcio, dal diverbio, dal "non sei più mio amico" per crescere una generazione capace di gestire i conflitti. Bambini e bambine oggi, donne e uomini domani, capaci di guardarsi negli occhi, di dirsi le cose in faccia, utilizzando il contrasto come occasione di incontro. E' la strana e dirompente ricetta proposta da Daniele Novara, vulcanico psicopedagogista piacentino, che ostinatamente in questi anni ha macinato migliaia di chilometri all'anno, dal Nord al Sud del Paese, per incontrare alunni, insegnanti e genitori, con l'intento di insegnare a litigare.

"La tendenza è quella di anestetizzare i bambini, addomesticare le loro emozioni", spiega Novara."Invece è arrivato il momento di dai voce ai loro vissuti, togliendo l'adulto come soggetto giudicante: "Chiè stato?", "Chi ha iniziato per primo?", "chi ha torto o chi ha ragione?" sono domande che non hanno senso, tendono solo a colpevolizzare, non portano a nulla. Bisogna offrire ai più piccoli gli strumenti per trasformare il conflitto in risorsa". Uscire dalla dicotomia buoni/cattivi, superare il retaggio antico da libro "Cuore" di etichettare gli alunni in Franti e Garrone, non cedere alla tentazione di alzare il ditino e decretare cosa sia giusto e cosa sia sbagliato. Fare un passettino indietro per fare un balzo in avanti.

Quello che Novara chiede è proprio questo: rinunciare alle sentenze, non aggrapparsi ai moralismi dogmatici, non proporre soluzioni preconfezionate. Un gomitolo da passarsi e con cui prendere la parola, un corner con due sedie in cui appartarsi per litigare, adulti capaci di osservare senza intervenire e senza imporre i propri diktat. Quello che Novara propone di classe in classe è proprio questo: non cancellare i litigi, che spesso sono espressione di interessi comuni, ma ricontestualizzarli. Proporre ai bambini di spostare lo scontro su un altro ambito, entrando in uno spazio fisico dove poter dire o,  meglio ancora, scrivere la propria versione dei fatti. Mettere sul piatto le diverse posizioni, andando al di là dei giudizi, per arrivare ad una compensazione degli interessi reciproci. Non chiedersi chi ha ragione, ma rispettare tutte le ragioni. Allendandosi anche alla rinuncia attiva, dove perdere qualcosa non è uno svantaggio ma l'occasione, lo slancio per ottenere altro. "Allenare le emozioni": è un po' questo il mantra del metodo Litigare bene, che ben si declina nelle varie età: quasi un gioco con i piccolissimi delle scuole materne, un esercizio di autoregolamentazione con gli adolescenti, dove il conflitto spesso è clandestino, nascosto, e ai giovani stessi viene chiesto di diventare mediatori tra i coetanei.

Litigare per vivere un'esperienza, in una società dove le esperienze sono sempre più affidate a smartphone e social network: nativi digitali per i quali la rete non è più una second life o uno sdoppiamento della realtà. E' la realtà, e basta: i device fanno parte della loro quotidianità, non sono un accessorio. Una immersione continua in infinite esperienze virtuali, che necessitano con urgenza di essere compensate con esperienze reali. Per mettere in gioco emozioni e sentimenti, per imparare a riconoscerli e a maneggiarli prima di esserne travolti. Insegnare a litigare significa insegnare a vivere. Per formare persone meno fragili. Maggiormente consapevoli e adattabili. E, soprattutto, più felici. Questa, in fondo, si chiama evoluzione.

Articolo di Federico Taddia pubblicato su "La Stampa", 02/04/2017

Staff

Daniele Novara

Fondatore e direttore del CPP, pedagogista e autore

Altre pagine che potrebbero interessarti

Descrizione del metodo Litigare Bene

lI litigio infantile è una forma di interazione che se gestita correttamente aiuta lo sviluppo personale e sociale.

Pubblicazioni correlate

Litigare fa bene

Attraverso semplici spiegazioni e numerosi esempi, l’autore dimostra l’efficacia del metodo maieutico Litigare bene.

Litigare con metodo

Litigare con metodo tratta l’innovativo metodo maieutico per la gestione dei litigi infantili a scuola.

< Indietro
Litigare fa bene