Il bambino vivace non e’ un malato

Articolo pubblicato su "Un pediatra per amico", n.3 2014

1 Marzo 2015

Bambini problematici: difendiamoli dalla medicalizzazione con l’aiuto di tutti

Negli ultimi anni la priorità della scuola sembra sia stata quella di trasformare le difficoltà degli alunni in vere e proprie malattie. In dieci anni sono raddoppiate le certificazioni di disabilità, in un anno i cosiddetti DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono cresciuti del 37% e, nel frattempo (dicembre 2012), è uscita la nuova disposizione ministeriale sui BES (Bisogni Educativi Speciali) che punta a rintracciare altri alunni bisognosi di cure particolari. Di questo passo, nel giro di pochi anni, è probabile che ogni classe in Italia abbia più alunni diagnosticati che il contrario. Ma più in generale serpeggia la percezione che, anche fra gli operatori sanitari, si stia andando verso una progressiva medicalizzazione delle naturali differenze infantili; che in altre parole il bambino o la bambina vivace siano, o stiano per diventare, un problema medico piuttosto che rappresentare una naturale e fisiologica inclinazione infantile. Si respira ovunque un clima di apprensione crescente. I neuropsichiatri infantili sono sottoposti a richieste sempre più frenetiche di diagnosi e di certificazioni. Spesso il corpo insegnante risulta insofferente verso gli alunni oppositori o semplicemente vivaci. Si chiede ai genitori di fare qualcosa e di procedere con qualche forma di sostegno e assistenza. Un bambino di 9 anni, in quarta elementare, ha avuto un momento aggressivo verso un’altra bambina. Niente di grave, anzi il bambino sul piano del rendimento scolastico va benissimo e ha tutti 9 e 10, ma i genitori si sentono ugualmente dire, senza tanti complimenti, dalle maestre di fare subito una visita neurologica. “Non c’è tempo da perdere”

FUGA DALLA “DIAGNOSI”

Negli ultimi 3 anni ho ricevuto al Centro Psicopedagogico di Piacenza (www.cppp.it) diversi genitori in fuga dal binario della diagnosi a tutti i costi, alla ricerca di un approccio educativo che potesse comunque aiutarli nella gestione di figli tirannici, di alunni distratti, di adolescenti “sdraiati” e via carrellando sulle nuove situazioni che le famiglie si trovano a vivere. Ma ci sono anche quelli che la invocano davvero la benedetta diagnosi “Avrà qualcosa! Avrà ben qualcosa! Non sta mai fermo un attimo e poi ci dice delle cose terribili e prova anche a picchiarci”. Cosa possono fare i genitori per evitare un’enfasi medico sanitaria che rischia di trasformare i bambini in pazienti piuttosto che lasciarli nel loro status legittimo di studenti, ossia di soggetti che vanno a scuola anzitutto per imparare e per farlo il meglio possibile? La scuola non può avere paura dei genitori che sono sensibili alla crescita e all’educazione dei loro figli. Semmai deve cercare di costruire delle alleanze, dei percorsi comuni, proprio per garantire un buon gioco di squadra. Quali sono allora i punti qualificanti di una scuola che mette al centro la crescita degli alunni, e non le eventuali patologie?

IN GRUPPO È MEGLIO

Vale la pena ricordare che i coetanei, ossia soggetti di pari età, hanno maggiori possibilità di aiutare i compagni che restano indietro. L’idea viceversa che debbano per forza essere adulti, insegnanti, assistenti, educatori di ogni tipo a sostenere l’alunno in difficoltà, con azioni di recupero totalmente individuali, non trova riscontro sul piano psicopedagogico in quanto da sempre vi è un riconoscimento condiviso verso il cosiddetto mutuo insegnamento o peer education, detto in termini più “internazionali”. In altre parole le attività di apprendimento sociale, innestandosi sulla naturale tendenza imitativa del bambino, che è anche la base della sua plasticità neuronale, consentono di ottenere risultati più rapidi, più duraturi e, molto importante, più sostenibili. La lezione di un insegnante può essere la migliore possibile, ma quando c’è da imparare veramente qualcosa la spiegazione di un compagno, qualunque sia la sua età, risulta più efficace in quanto sintonizzata maggiormente sulle connessioni di apprendimento relative a quella specifica età. L’adulto non potrà mai, anche il miglior insegnante, essere in grado di adattarsi sul piano cognitivo ed emotivo al mondo infantile o adolescenziale. È per questo che tutte le pedagogie innovative si sono sempre basate su due capisaldi: l’esperienza diretta dell’alunno, addirittura quella sensoriale, come nel metodo Montessori, e il lavoro di Freinet, di Roger Cousinet, di Paulo Freire e tanti altri educatori che hanno sperimentato concretamente i vantaggi di un approccio sociale e imitativo fra gli alunni. Isolare i bambini in difficoltà con interventi basati sul trattamento individuale non solo il più delle volte li demotiva, ma genera in loro anche la sensazione di trovarsi nel ruolo sbagliato, cioè del bisognoso e quindi finiscono con l’agire di conseguenza, rafforzando piuttosto che diminuire i deficit in questione.

I BAMBINI SONO PLASTICI

Si diffonde dunque anche a scuola la tendenza a cercare diagnosi sempre più precoci. A volte può essere utile, ma troppo spesso diventa semplicemente un modo per incasellare lo scolaro dentro un ingranaggio senza ritorno. In realtà, tranne casi di invalidità fisiologica davvero grave, i bambini, facendo le mosse giuste, possono sempre migliorare. Non è accettabile alcun fatalismo medico. Gli stessi ricercatori sono sempre più scettici sull’eccesso di medicalizzazione. Nel 2013 Allen Frances, psichiatra americano, ha scritto un bellissimo libro dal titolo inequivocabile, “Primo, non curare chi è normale”, con il quale contesta lo smisurato allargamento della diagnostica psichiatrica. Quest’anno il famoso psicologo Jerom Kagan ha pubblicato “I fantasmi della psicologia”, con il quale denuncia l’invadenza di diagnosi psicologiche nella crescita dei piccoli. La maggiore disponibilità di conoscenze mediche deve rappresentare per la scuola uno strumento in più per aiutare i bambini a vincere i propri blocchi, a superare i deficit infantili e a promuovere la loro emancipazione. Al contrario si rischia di accentuare la percezione di disabilità e di ostacolare le possibilità di recupero e crescita.

Scritto da Daniele Novara (daniele.novara@cppp.it)

< Indietro
Daniele disegno