Né buoni né cattivi

L'alfabetizzazione al conflitto per una nuova cittadinanza

Convegno Nazionale CPP - 12 ottobre 2019 a Milano 

Informazioni

I castighi non servono

Le riflessioni di un pedagogo controcorrente.

L'idea che educare significhi controllare e correggere "porta alla ricerca continua di sbagli e colpe. I figli sono immaturi, non colpevoli". 

Luca, 3 anni. È a tavola con mamma e papà. Guarda il piatto di minestra e prende tempo. Il cucchiaio gira con lentezza fra i pezzi di verdura. Due minuti, tre minuti e la bocca non si apre. «Dai assaggia», incoraggia la mamma. Quei pezzi di verdura che galleggiano in superficie Luca li sente già in bocca. Una sensazione sgradevole. Nooooo. La rabbia esplode, tira la tovaglia e rovescia il piatto. Brodo ovunque, anche sui pantaloni di papà.

[...]

Articolo di Marta Ghezzi pubblicato sul Corriere della Sera, 08/10/2016

Staff

Daniele Novara

Fondatore e direttore del CPP, pedagogista e autore

Pubblicazioni correlate

Punire non serve a nulla

Punire non ha nulla a che vedere con l'educazione. Le punizioni sono elementi estranei ai processi educativi.

< Indietro