Centro psicopedagogico per la pace e la gestione dei conflitti

Cerca

Vai ai contenuti

Menu principale:


La Camera dei Deputati cede alla follia delle installazioni delle telecamere

Approfondire > Il punto di vista...


La Camera dei Deputati cede alla follia delle installazioni delle telecamere nei Nidi e nelle Materne.

Inquietante la decisione della Camera dei Deputati che approva una Legge che impone ai Nidi e alle Scuole Materne le telecamere di sorveglianza per registrare gli eventuali abusi degli insegnanti sui bambini.

Inquietante la logica che sta sotto questa incredibile iniziativa politica dove le forze di polizia si sostituiscono all'educazione e dove la paura si sostituisce alla formazione professionale degli insegnanti.

La politica cede a una provocazione diventando portavoce di un vero e proprio terrorismo nei confronti dei bambini, delle famiglie e degli insegnanti.

Con che serenità e fiducia i genitori potranno in futuro, se passa anche al Senato questa legge liberticida, affidare i propri figli piccolissimi a strutture educative su cui grava il sospetto della violazione degli stessi diritti infantili?
Si crea un
vuoto di legittimità nei confronti delle Istituzioni educative che va a pesare direttamente sui bambini, visti in partenza come possibili vittime di insegnanti aguzzini e persecutori.

Occorre una mobilitazione immediata da parte dell'opinione pubblica che crede nei valori dell'educazione e della scuola come comunità di apprendimento.
È necessario che i Sindacati della Scuola intervengano immediatamente a tutela non solo dei loro insegnanti ma anche di tutta l'Istituzione scolastica finita sotto l'attacco mediatico di chi alimenta paura e terrorismi psicologici.

Occorre che le associazioni e i comitati genitori reagiscano a questa deriva che porta l'Italia ancora più lontano dall'Europa.
I casi di vessazione ai bambini nelle Istituzioni educative della prima infanzia si prevengono con
un'adeguata e rigorosa selezione del personale e una continua e sistematica formazione degli insegnanti stessi per aggiornare e migliorare le loro competenze professionali.

Sono due obiettivi imprescindibili, la scorciatoia delle telecamere è un equivoco inquietante a cui bisogna sottrarsi.
L'installazione delle telecamere produrrà un business enorme che peserà sulle già scarsissime risorse pubbliche a favore dell'educazione dei più piccoli.


Daniele Novara, pedagogista, direttore del CPP,
daniele.novara@cppp.it





Torna ai contenuti | Torna al menu