La gestione dell’adolescente conflittuale

Stampa la pagina

Come mai le relazioni educative con gli adulti sono sempre più faticose e i comportamenti dei ragazzi sembrano incomprensibili?

27 Ottobre 2017

Termina il 28 Ottobre 2017

Durata: venerdì pomeriggio; sabato giornata intera

Milano

Tipologia: Seminari

Descrizione 

ESSERE RAGAZZI, OGGI

Gli adolescenti di oggi sono spesso persone socialmente competenti (mai prima ad ora i ragazzi hanno avuto così tante possibilità esperienziali e cognitive), ma affettivamente immaturi. Individui, in buona sostanza, poco abituati a vivere la colpa e la paura come sentimenti necessari per intercettare limiti ed errori.

Tutto questo è in parte conseguenza dell’epocale trasformazione degli stili educativi familiari, che negli ultimi 20/30 anni hanno visto emergere la figura del bambino come soggetto baricentrico rispetto alle relazioni familiari. Un bambino protetto, riverito, al quale non è permesso subire particolari frustrazioni evolutive di crescita.

L’eccessiva vicinanza della famiglia nei confronti dei figli adolescenti determina, in realtà, un aumento del rischio di un’escalation conflittuale che si connota come volontà di allontanarsi e prendere la propria strada.
Si crea una sorta di lacerante conflitto tra un’energia centrifuga che vorrebbe la personalità adolescenziale fuori, alla scoperta, all’avventura (sociale) e una forza centripeta che attrae verso la pancia della famiglia, verso una regressione infantile. Questa conflittualità prende forma attraverso forme di disagio nei confronti del proprio corpo (anoressia e bulimia, ad esempio) o di disperazione profonda rispetto alle aspettative sociali (difficoltà scolastiche o a collocarsi adeguatamente nel mondo del lavoro).

Obiettivi 
. Saper riconoscere il conflitto distinguendolo da altre forme (rabbia, violenza) e saper esplicitarlo creando una distanza adeguata con le emozioni proprie e dell’adolescente
. Riconoscere la trasgressione adolescenziale come modalità comunicativa che attiene ad una richiesta di emancipazione
. Gestire la separazione e l’allontanamento attraverso proposte di utilizzo di strutture rituali
. Recupero del codice paterno come strategia di riconoscimento del limite, delle regole e dello stare al mondo 

Metodo di lavoro
Sarà di tipo formativo esperienziale. Le restituzioni teoriche saranno legate ai contenuti emergenti dalle singole esercitazioni. Le attività saranno sia personali che di gruppo.

Destinatari
I
nsegnanti, formatori, educatori. 

Staff

Filippo Sani

Formatore, counselor e sociologo

Indirizzo

​via Sismondi 74


Costo

€ 140

Promozioni disponibili (non cumulabili)

Ci penso per tempo!

10% di sconto per chi si iscrive entro un mese dall’inizio del percorso formativo

Meglio ben accompagnati…

10% di sconto per chi si iscrive in 2 o più.

Programmare ti conviene!

10% di sconto a chi si iscrive contemporaneamente a due corsi.

Under 28

30% di sconto per i giovani corsisti

Registrazione e acquisto

Per partecipare all'evento/acquistare il prodotto, è necessario compilare il modulo sottostante.

Nella pagina seguente avrai la possibilità, se necessario, di effettuare il pagamento approfittando delle eventuali promozioni.

Ulteriori istruzioni

Le promozioni attive danno diritto al 10% di sconto.

  •   
  •   

La Privacy Policy del CPP (resa ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003) è consultabile al seguente link: Informativa sulla Privacy.

  •   
  •   

Inserisci le lettere nel campo sottostante:


 
< Indietro
Orario di lavoro
Prima giornata 15:00 - 19:00
Seconda giornata 9:00 - 13:00 e 14:00 - 17:00
Carta del Docente Sei un insegnante?
Accedi subito al sito del MIUR
per generare un buono con la Carta del Docente e garantirti un posto al corso!
info@cppp.it
Il corso è riconosciuto per l'aggiornamento dei counselor da A.N.Co.Re e AssoCounseling