Filippo Sani

Formatore, counselor e sociologo

Come sociologo si è occupato per molti anni di Politiche Sociali e della condizione adolescenziale e giovanile, realizzando progetti, curando e pubblicando ricerche e articoli scientifici.
In questi ultimi anni ha approfondito lo studio e la ricerca dei processi educativi nella relazione adolescenti - adulti. In tale ambito di lavoro, ha già in attivo numerosi incontri formativi con gruppi di genitori e di educatori in Italia, nonché articoli e contributi scientifici.

Da alcuni anni si occupa di orientamento e del servizio diritto e dovere all’istruzione presso il Centro per l'Impiego di Macerata.
Nell'ambito della consulenza orientativa è tra i primi in Italia ad aver sperimentato l’approccio maieutico nella gestione dei colloqui, orientato allo sviluppo del potenziale di apprendimento di ciascuna persona.. 

È autore di diversi testi e pubblicazione tra cui:

F.Sani, Guerra santa o crisi di senso adolescenziale? Una riflessione sul rapporto tra giovani e il terrorismo, in "Conflitti, rivista italiana di ricerca e formazione psicopedagogica" n° 4/2015.
F. Sani, Fasi e passaggi di vita. Le coordinate per affrontare i compiti della crescita in «Rivista Lasalliana» Trimestrale di cultura e formazione pedagogica, n° 3/2014, Roma. 
F. Sani, La motivazione che scompare. Le trasformazioni del rapporto tra ragazzi e lavoro, in «Conflitti, rivista italiana di ricerca e formazione psicopedagogica», n° 3/2013. 
F. Sani, Anche i ‘duri’ sostano nel conflitto. Quando la contestazione sociale rifiuta la violenza, in «Rivista lasalliana. Trimestrale di cultura e formazione pedagogica», Roma, n. 79/2012.
Ha contribuito al capitolo sul Diario dei Conflitti nel libro di D. Novara, La grammatica dei conflitti. L'arte maieutica di trasformare le contrarietà in risorse, Sonda, Casale Monferrato, 2011.
F. Sani, Io guardo in terza persona: orientamento maieutico per i giovani, in "Conflitti, rivista italiana di ricerca e formazione psicopedagogica", 2/2011
F. Sani, Il conflitto genitori figli in adolescenza come strumento di comunicazione educativa, in Conflitti, rivista italiana di ricerca e formazione psicopedagogica», 1/2009

e-mail: filippo.sani@cppp.it

Corsi correlati

Il ruolo educativo del padre in adolescenza

1 Dicembre 2017 - Piacenza

Sospendere l'accudimento materno e mettere in gioco il ruolo del padre.

La gestione dell’adolescente conflittuale

27 Ottobre 2017 - Milano

Come mai le relazioni educative con gli adulti sono sempre più faticose e i comportamenti dei ragazzi sembrano incomprensibili?

< Indietro
Filippo Sani
L'esperienza che ho maturato in questi anni, grazie al lavoro come orientatore presso una struttura pubblica, mi permette di poter affermare che solo attraverso una gestione maieutica dei colloqui di consulenza si ottengono risultati più sorprendenti ed efficaci, senza necessariamente ricorrere all'ausilio di test, applicativi o schede.
L'uso della domanda e della sua profonda carica esplicativa, risulta determinante per dare cittadinanza alle parti di sé che più bloccano le modalità individuali che attivano le scelte, trasformando i conflitti in strutture di apprendimento.
L'ambito delle consulenze orientative costituisce un'ulteriore prova della necessità imprescindibile di prendere tempo, aspetto che attiva la capacità di controllare la propria ansia e la necessità di fuga, permettendo di trovare lo spazio-tempo adeguato per capire cosa sta succedendo.
Filippo Sani