Punire non serve a nulla

Stampa la pagina

Di: Daniele Novara

Punire non ha nulla a che vedere con l'educazione. Le punizioni sono elementi estranei ai processi educativi.

L’esperienza, le ricerche, gli interventi e le interviste a mamme, papà e figli portano a un’analisi delle abitudini educative di ieri e di oggi, mettendo anche in risalto quanto le punizioni generino sensi di colpa e frustrazione perfino negli stessi adulti. 

È possibile farne a meno? La risposta è sì: è possibile crescere i propri figli affidandosi a un metodo educativo nuovo e si può fare a meno di attacchi e sgridate, di quel “…quando ci vuole ci vuole!” che le accompagna e di cui poi tante volte ci si pente. E soprattutto si possono relegare punizioni mortificanti, fisiche e dolorose all’archeologia della storia pedagogica. 

Passo dopo passo, nel libro viene invece raccontato come voltare pagina e pensare a una buona educazione che attraverso poche, chiare e ben definite mosse giuste porta vantaggi significativi ad ogni elemento della famiglia, a breve e a lungo termine e durante i vari periodi di sviluppo.

Staff

Daniele Novara

Fondatore e direttore del CPP, pedagogista e autore

Video

Intervista a Daniele Novara sul libro "Punire non serve a nulla"
< Indietro
Copertina Punire non serve a nulla
Ed. Bur Rizzoli, Milano 2016, 279 pagine, 13,00 euro